Donne che guadagnano ma ancora troppo poco

author
by
author

di Alessandra Casarico e Salvatore Lattanzio (da Lavoce.info)

Nell’Unione Europea le donne hanno salari orari medi del 16 per cento inferiori a quelli degli uomini. E negli stipendi più alti il divario è ancora più marcato. Per superare la disparità di trattamento serve una presa di coscienza delle stesse imprese. 

L’uguaglianza inizia con lo stipendio

In occasione dell’8 marzo, la Commissione europea ha rilasciato una dichiarazione in cui ribadisce che l’uguaglianza – inclusa quella tra uomini e donne – è un valore fondante dell’Unione. Sottolinea inoltre che, sebbene l’Europa sia tra i luoghi più egualitari e sicuri per ragazze e donne, i successi raggiunti non devono essere dati per scontati e gli ostacoli ancora da superare per raggiungere l’uguaglianza di genere non devono essere considerati accettabili. La disuguaglianza salariale di genere rimane una zona d’ombra nel processo di riduzione del gap tra uomini e donne sul mercato del lavoro, con le donne che nei paesi dell’Europa a 28 hanno salari orari medi del 16 per cento inferiori a quelli degli uomini.
Il report sull’uguaglianza tra uomini e donne appena pubblicato dalla Commissione discute le ragioni del differenziale, sottolineando come ne siano elementi importanti sia la segregazione orizzontale – le donne sono concentrate in settori con paghe contenute –  sia quella verticale – le donne fanno più fatica a fare carriera.

Leggi tutto qui: https://www.lavoce.info/archives/57936/donne-che-guadagnano-ma-ancora-troppo-poco/

Scegli la tua Reaction!
Commenti (0)
arrow